Chiesa dell'Annunziatella.

Via di Grotta Perfetta 591

    La più antica chiesa romana dedicata all’Annunciazione, fondata da papa Onorio III[1] nel 1220. Per un breve periodo fu inserita da San Filippo Neri nell’itinerario delle Sette Chiese, insieme a San Paolo alle Tre Fontane, per cui le chiese visitate dai pellegrini divennero nove. Per questo motivo era dotata di un ospedale al fine di assistere i pellegrini.

    Nel 1640 fu ridotta alle forme attuali dai lavori di ristrutturazione operati dal cardinale Francesco Barberini protettore della confraternita del Gonfalone a cui la chiesa era affidata. In seguito decadde fino a venir consacrata una seconda volta nel 1935.

  

Collapse )

I luoghi di Roma che ricordano la Prima Guerra Mondiale. Parte 2.

PIAZZA SANTA CROCE

MUSEO STORICO DELLA FANTERIA

Chiuso per restauro dal 22 luglio 2013.

Il museo è articolato in tre settori: - Armi, bandiere e uniformi, è organizzato su una direzione, la biblioteca con archivio storico e il sacrario. Dispone di 35 sale espositive a cui si devono aggiungere 5 gallerie o androni. Il patrimonio del museo è costituito da cimeli, documenti e ricordi provenienti da donazioni o da acquisti, da pitture, disegni e sculture. Una sezione è dedicata alla Prima Guerra Mondiale. Tra le opere d’arte si segnala la statua marmorea del “Partente” di B. Poidimani, posta al piano terra presso l’ingresso e il “Redentore sulla Croce” nell’atto di piegarsi a sorreggere due fanti morenti, dello scultore Edmondo Furlan.

Collapse )

I luoghi di Roma che ricordano la Prima Guerra Mondiale. Parte 1.

La prima guerra mondiale fu il più grave conflitto armato che l’umanità avesse mai conosciuto, coinvolse non solo l’Europa ma anche gli Stati Uniti, il Giappone e si interessò anche le colonie degli stati europei e altri paesi extraeuropei. Si combattè dall’estate 1914 alla fine del 1918. Venne chiamata la “Grande Guerra”.

Collapse )

Record di Roma.

SCOPRIAMO QUAL E’ IL SANTUARIO PIU’ PICCOLO, LA CAMPANA PIU’ PICCOLA DI ROMA E COSI’ VIA…

PIAZZA IN PISCINULA

Il campanile più piccolo di Roma

    In questa piazza si trova la chiesa con il campanile più piccolo di Roma, la campana più piccola della città (diametro 45 cm) e al tempo stesso la più antica (su di essa è inciso l’anno della fusione 1069), si tratta della chiesetta di San Benedetto in Piscinula.

    Qui sorgeva la casa degli Anicii, la famiglia del santo di Norcia. La chiesa sembra sia stata fondata da San Benedetto stesso nel 543. Nel piccolo atrio San Benedetto in un affresco del sec. XIII, a sinistra porta cosmatesca che immette a un sacello a pianta quadrata detto "Cella di San Benedetto", con quattro antiche colonne agli angoli sostenenti la volta a crociera. Interno basilicale a tre navate sostenute da quattro colonne antiche per lato, pavimento cosmatesco; dietro l'altare maggiore San Benedetto in trono, tavola del sec. XIV.

Collapse )

Le torri di Roma

SORTE A DIFESA DI NOBILI DIMORE,
OGGI LE TORRI SONO LE MUTE TESTIMONI DI INTRIGHI E LOTTE SECOLARI.

Le torri sono un retaggio del periodo medioevale, allora Roma aveva tante torri, oggi ne sono rimaste una trentina, ma abbiamo notizie certe di un’altra cinquantina[1]. La maggior parte si trovavano nel rione Monti e in quello di Trastevere. Certo non era come San Gimignano, la città delle torri, ma nell’età di mezzo la città aveva un aspetto militaresco, di fortificazione, anche se le torri non erano per difendersi dai nemici esterni, servivano alle lotte tra le principali famiglie baronali dell’epoca.

  Da un punto di vista topografico la torre non era isolata ma associata all’edificio da difendere, era il punto da cui dominare una zona, controllare, scoraggiare attacchi nemici, essere il punto più saldo di difesa. In alcuni casi era dimora essa stessa, ne è un esempio la torre dei Conti; in genere era una parte dell’abitazione come nel caso della torre degli Anguillara a Trastevere.

Collapse )

Beatrice Cenci.

Beatrice Cenci è nata a Roma il 6 febbraio 1577, figlia di tale conte Francesco Cenci appartenente ad una delle più ricche e influenti famiglie della Roma del tempo e di Ersilia Santacroce.

  Il conte era uomo rissoso, violento, spesso in contrasto con la giustizia. Trattava i sei figli molto duramente, li faceva vivere in povertà, privandoli anche del necessario. La loro situazione peggiorò quando il padre si invaghì di una donna bellissima, Lucrezia Petroni. Allora allontanò i figli da Roma mandandoli a studiare all’università di Salamanca e, guarda caso, la moglie morì. Nel 1593 Francesco sposò Lucrezia Petroni, da allora fece di tutto per isolare la sua famiglia da ogni contatto con l’esterno.

Collapse )

LE RELIQUIE ROMANE E DELLA LORO AFFASCINANTE STORIA.

   Questo breve testo sull’affascinante mondo delle reliquie presenti a Roma si addentra in un tema controverso che suscita passioni o indifferenza, fede o scetticismo. Roma, proprio per il suo ruolo di capitale internazionale del cattolicesimo, concentra nelle sue chiese tante e diverse reliquie, dal chiodo della croce di Cristo, alla colonna della Flagellazione, ai resti degli apostoli, dei santi, o dei martiri. Un tempo le reliquie erano molto più importanti di oggi, la fede aveva bisogno di segni, di oggetti concreti su cui trovare sostegno, forza. La presenza delle reliquie ha dato impulso al fenomeno dei pellegrinaggi. Il culto e il possesso di alcune reliquie hanno avuto un peso sia politico che religioso molto importante nella nostra storia e hanno influito anche sul piano culturale e economico.

Collapse )

«Фонтан четырех рек» Джованни Лоренцо Бернини.

Описание скульптуры Джованни Лоренцо Бернини «Фонтан четырех рек»

Одно из самых величественных творений Бернини располагается в Риме на площади Навона. В центре находится обелиск (правда он псевдоегипетский и не имеет отношения к скульптуре мастера). Интересен тот факт, что Бернини не был допущен к конкурсу на разработку проекта по установке обелиска. Но тщеславие папы Иннокентия Х помогло Бернини воплотить свое творение в жизнь. Увидев проект скульптора, папа решил доверить работу именно ему, а не Борромини, как ранее было задумано.
Collapse )

Уходите вовремя!

Уходите вовремя

Уходите вовремя. Домой, даже если вас никто там не ждет, с зажигательной вечеринки, от гостей без «посошка», от неуместных связей и дурных привычек. От депрессии и мрачных мыслей, от тяжелых воспоминаний, из отношений, изживших себя, от людей, разрушающих вас, или от человека рядом с вами.

Дайте ему и себе шанс обрести того (а может, и себя самого), с кем будет лучше, комфортней, спокойней в той форме, в которой надо каждому из вас. Если уж вы не способны это дать друг другу по тем или иным причинам, не лишайте друг друга попытки и надежды обрести это в других отношениях и в самом себе.


Collapse )

Львица Гуэнолла.

Статуэтка «Львица Гуэнолла» (Guennol Lioness), которая была изготовлена в Месопотамии 5000 лет назад, продана на аукционе Sotheby’s в Нью-Йорке за $57,200,000. Покупатель пожелал остаться неизвестным.

Львица Гуэнолла. статуэтка, история, львы, Львица Гуэнолла, длиннопост

Collapse )